Persiano

© Shizhao

Il Persiano è una delle più antiche razze di gatti, risalente ai primi del 1600; fu scoperto nel Medio Oriente, in Persia (oggi Iran)– da cui il nome della razza– e anche in Angora (oggi Ankara), Turchia. I gatti persiani trovati in Persia avevano il pelo grigio, mentre quelli provenienti da Angora erano bianchi. Entrambi sono stati importati in Europa durante il 1600: i gatti d’Angora sono stati portati in Francia da Nicholas-Claude Fabri de Peiresc, mentre i gatti della Persia sono stati portati in Italia da Pietro della Valle; entrambi avevano individuato questi gatti durante i loro viaggi. I gatti Persiani sono stati portati anche in altri paesi dell’Europa occidentale: a Londra, in Inghilterra, per esempio, hanno ottenuto una gran notorietà perché la regina Victoria ne aveva due come animali domestici. E sempre in Inghilterra i Persiani hanno partecipato per la prima volta ad una esposizione felina. Alla fine del XIX° secolo, la razza gatto Persiano è stata riconosciuta ufficialmente della GCCF, un ente di registrazione per l’allevamento e la registrazione del pedigree nel Regno Unito. Un secolo più tardi, il Persiano arrivò in Nord America e fu accettato dalla Cat’s Fanciers’ Association degli Stati Uniti (CFA).

Aspetto Generale
Il gatto Persiano è una razza unica a causa della moltitudine di combinazioni di colori possibili e di mantello, corporatura e testa. Possono essere di un solo colore o bicolore, sfumato e color fumo, o essere di tipo Himalayan-pointed, dorato , tartaruga, blu e tabby. La corporatura di questo gatto tende ad essere di medie o grandi dimensioni; i Persiani hanno un collo spesso, una testa rotonda, spalle larghe e un petto ampio, orecchie piccole, il naso e la faccia schiacciati, gli occhi chiari, un coda corta, e un mantello lungo dal pelo folto e fluente. A causa di questo pelo folto, questo gatto deve essere spazzolato spesso in modo da impedire la formazione di nodi. Inoltre, il gatto Persiano ha bisogno di bagni regolari per rimanere ben pulito.

Carattere
I gatti Persiani hanno un temperamento dolce. Sono rilassati, estremamente affettuosi e sono una razza intelligente, può facilmente adattarsi a qualsiasi contesto familiare o sistemazione. Non sono attivi come altri tipi di gatto, ma sanno essere giocherelloni all’occorrenza. Invece di girovagare, preferiscono rimanere vicini ai loro proprietari: cercano il loro affetto e vogliono essere accarezzati. I Persiani hanno una buona personalità e un’espressione dolce. Sono buoni con i bambini, ma forse meno con altri animali domestici. I gatti Persiani sono ben educati e hanno normalmente un comportamento accettabile, che li rende quindi perfetti animali domestici.

Problemi di Salute
Questa razza di gatto ha una buona aspettativa di vita: di solito più di 12 anni se tenuti in casa e ben curati. Come la maggior parte dei gatti, sono soggetti a varie malattie, ma la principale preoccupazione è per la salute della pelle e degli occhi: il loro mantello folto li porta ad avere problemi nelle stagioni più calde, e poiché i loro occhi tendono a lacrimare spesso, tendono a sviluppare problemi di infezione e danneggiamento della cornea, nonché problemi al canale lacrimale. Infine, poiché i Persiani hanno un muso schiacciato, rischiano infezioni respiratorie.

I gatti Persiani richiedono molta cura da parte dei loro proprietari e tempo per lo spazzolamento e la pulizia del loro pelo. Hanno bisogno di essere tenuti in casa, in un ambiente sicuro e protetto. Si tratta pero’ di un animale domestico amabile; un gatto che grazie a cure e attenzione puo’ donare per tanti anni molto affetto al proprio proprietario.